Ufficio federale di giustizia

Corruzione (GRECO)

Di che cosa si tratta?

Negli ultimi anni la Svizzera ha continuamente intensificato la lotta alla corruzione. Nell’ambito dell’adesione alla Convenzione dell’OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nel 2000 e alla Convenzione penale del Consiglio d’Europa sulla corruzione, nel 2006, sono state sottoposte a una profonda revisione in particolare le norme penali contro la corruzione di pubblici ufficiali svizzeri e stranieri e la corruzione nel settore privato per adeguarle alle sfide rappresentate dalla corruzione transfrontaliera. Un organo di monitoraggio provvede affinché entrambe le convenzioni vengano attuate in tutti gli Stati firmatari.

Il Consiglio d’Europa ha istituito una commissione speciale (Groupe d’Etats contre la Corruption, GRECO), in cui l’Ufficio federale di giustizia (UFG) è incaricato di rappresentare la Svizzera. Il GRECO sostiene e potenzia la lotta alla corruzione effettuando valutazioni reciproche in tutti i Paesi membri. Le misure volte a lottare contro la corruzione sono esaminate sulla base di questionari e visite in loco da parte di esperti provenienti da altri Stati membri. Le bozze di rapporto sulle rispettive valutazioni sono corrette con i Paesi in questione e successivamente discusse e approvate dall’assemblea plenaria del GRECO. Di principio, i rapporti e le eventuali raccomandazioni sono confidenziali, ma di solito sono pubblicati con il consenso del Paese esaminato.

L’attuazione della Convenzione dell’OCSE è controllata da un organo speciale di questa organizzazione internazionale, in cui la Segreteria di Stato dell’economia (seco) è incaricata di rappresentare la Svizzera.

Aderendo alla Convenzione dell’ONU contro la corruzione nel 2009, la Svizzera contribuisce a rafforzare, a livello mondiale, la lotta contro la corruzione. Anche l’attuazione di questa convenzione è controllata da un gruppo di valutazione, in cui il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) è incaricato di rappresentare la Svizzera.

Cosa è stato fatto finora?
  • Il 2 giugno 2008 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) pubblica il rapporto sulla prima e seconda valutazione della Svizzera da parte del GRECO (comunicato per i media comunicato per i media).
  • Il 3 settembre 2008 il Consiglio federale decide di adottare nuove misure per realizzare le raccomandazioni della Commissione GRECO. Intende segnatamente valorizzare maggiormente il Gruppo consultivo sulla corruzione, trasformandolo in un gruppo di lavoro interdipartimentale e conferendogli un incarico ufficiale (comunicato per i media comunicato per i media).
  • Il 17 giugno 2009 il Consiglio federale pubblica un rapporto su tre raccomandazioni della Commissione GRECO (comunicato per i media comunicato per i media). 
  • Il 4 giugno 2010 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) pubblica il rapporto di conformità da parte del GRECO (comunicato per i media comunicato per i media).
  • Il 2 dicembre 2011 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) pubblica i rapporti sulla terza valutazione della Svizzera da parte del GRECO (comunicato per i media comunicato per i media).
  • L’ 8 giugno 2012 il Consiglio federale incarica il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare un avamprogetto volto a inasprire il diritto penale in materia di corruzione. Dopo un incontro con una delegazione del GRECO, prenderà una decisione sugli ulteriori passi da compiere riguardo al finanziamento dei partiti (comunicato per i media comunicato per i media).
  • Il 10 aprile 2013 i consiglieri federali Simonetta Sommaruga e Didier Burkhalter incontrano una delegazione del GRECO (comunicato per i media comunicato per i media).
  • Il 15 maggio 2013 il Consiglio federale pone in consultazione una modifica del Codice penale e del Codice penale militare (comunicato per i media comunicato per i media).
  • Il 21 novembre 2013 il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) pubblica il rapporto di conformità da parte del GRECO (comunicato per i media comunicato per i media).

Contatto / informazioni
Ernst Gnägi, Ufficio federale di giustizia, T +41 31 322 40 81, Contatto