Firmato un accordo sui visti con Saint Lucia

Comunicati, DFGP, 20.05.2011

Berna. La Svizzera e Saint Lucia hanno stipulato un accordo sull’esenzione dal visto per i titolari di un passaporto diplomatico o di servizio. L’accordo è stato firmato giovedì a Castries dal vice primo ministro di Saint Lucia, Lenard Montoute e dall’ambasciatore svizzero in Venezuela, Markus-Alexander Antonietti, nella cui competenza rientra anche Saint Lucia.

Grazie all’accordo, i titolari di un passaporto diplomatico nazionale o di servizio valido, assegnati a una rappresentanza diplomatica, a un posto consolare o a una missione permanente del loro Stato, potranno entrare sul territorio dell’altra Parte contraente e soggiornarvi senza visto per tutta la durata della propria funzione.

Sono esentati dall’obbligo del visto anche i titolari di un passaporto diplomatico nazionale o di servizio valido che intendono entrare sul territorio dell’altro Stato e soggiornarvi fino a un massimo di 90 giorni per partecipare a una riunione o a una conferenza.

Prima che la Svizzera aderisse a Schengen il 12 dicembre 2008, i cittadini di Saint Lucia potevano entrare in Svizzera senza visto. In seguito al recepimento delle disposizioni dello spazio Schengen per i visti di breve durata, la Svizzera si era vista costretta a reintrodurre l’obbligo generalizzato dei visti. Può però continuare a definire in piena autonomia le disposizioni applicabili ai titolari di passaporti diplomatici e di servizio e concludere accordi bilaterali in materia. Aumentare la libertà di viaggio per questo gruppo di persone favorisce la cooperazione internazionale e consolida la posizione della Svizzera come sede di organizzazioni internazionali.