Ufficio federale della migrazione

Migrazione illegale: campagna di sensibilizzazione in Africa

Comunicati, UFM, 28.11.2007

Berna. L’Ufficio federale della migrazione sta conducendo in Camerun e Nigeria una campagna informativa destinata alla popolazione locale. Tale campagna punta a richiamare l’attenzione sulle conseguenze negative della migrazione illegale. Nel frattempo anche l’Unione europea ha aderito al progetto pilota.

Tutti abbiamo presente le immagini di imbarcazioni stracolme e di gente gettata in mare da passatori senza scrupoli; immagini di imbarcazioni capovolte e di persone che hanno potuto essere recuperate soltanto ormai prive di vita. L’assenza di prospettive economiche spinge spesso persone provenienti da Paesi africani a cercare fortuna in Svizzera e in Europa.

Sovente le loro aspettative illusorie si infrangono nella realtà quotidiana di clandestino nel Paese di destinazione. Con l’intento di richiamare l’attenzione su tali pericoli e sulle conseguenze negative della migrazione illegale, all’inizio del 2006 l’Ufficio federale della migrazione (UFM) ha avviato campagne informative in Camerun e Nigeria. Tali campagne, effettuate soprattutto su scala locale, hanno suscitato vivo interesse. Nel frattempo anche l’Unione europea ha aderito al progetto pilota svizzero.

Le campagne informative dell’UFM sono condotte in Paesi che, trovandosi in una situazione economica instabile, presentano un elevato potenziale migratorio. Esse sono destinate a persone che lasciano il loro Paese per motivi economici e non rilevanti dal profilo dell’asilo. Le istituzioni di soccorso giudicano in modo positivo l’iniziativa dell’UFM. Con l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) l’UFM è secondato da un partner rinomato a livello internazionale, che da anni è presente con uffici in loco e dispone di eccellenti relazioni sul piano istituzionale.

Contatto / informazioni
Jonas Montani, Ufficio federale della migrazione, T +41 58 465 78 44, Contatto

Jean-Philippe Chauzy, International Organisation of Migration, T + 41 79 285 43 66